Novità!!! YOGA ANCHE IN ESTATE!

NOVITÀ LEZIONI DI YOGA IN ESTATE 2015

Namasté amici dello yoga.

Da metà luglio le lezioni di yoga continuano, su iscrizione, ogni martedì sera 18.15-19.15.

Invitatevi e invitate i vostri amici a provare.

Martedì sera la lezione è di yoga dinamico, adatto a chi vuole sciogliere bene i suoi muscoli e i suoi pensieri.

 

VENITE A PROVARE, VI ASPETTO DAL 21 luglio!!

Iscrizioni sul sito alla pagina PRENOTA LA LEZIONE DI PROVA.

Il cane a testa in giù (Adho mukha svanasana)

Adho Mukha Svanasana” è una delle posizioni simbolo dello yoga moderno, però è considerata dalla maggior parte dei praticanti troppo faticosa e impegnativa, soprattutto per le spalle.

adho mukha svanasana, cane su

Le difficoltà di questa posizione sono: la robustezza delle spalle e la loro scioltezza, e in secondo luogo l’appoggio dei talloni a terra. E’ indispensabile avere molta pazienza e costanza nella pratica di questa asana: per i primi tempi si può cominciare tenendo i talloni sollevati e le gambe leggermente piegate. Per eseguire questa posizione in modo corretto bisogna esercitare e rinforzare la zona delle spalle.


La posizione del “Cane con la Testa in giù” implica la giusta dose di arrendevolezza e disciplina. Pochi riescono ad eseguirla bene al primo tentativo. In genere si riesce soltanto dopo una pratica costante e continua. Naturalmente, una volta diventati esperti, sarà possibile sperimentare alcune varianti della posizione, per renderla più dinamica ed energica. Si raccomanda di eseguire la posizione cercando di rilassare i muscoli, senza forzare eccessivamente. Soltanto la giusta dose di forza e rilassamento permette di ottenere risultati soddisfacenti e duraturi. Con questa asana le scapole si aprono, garantendo una salutare apertura frontale delle spalle. Il tratto dorsale si distende, facendo sì che le vertebre in mezzo alle scapole si distanziano tra loro. Non spaventatevi se, all’inizio, percepite una eccessiva torsione e contrazione delle spalle. Se non forzate troppo, riuscirete a superare il dolore e il fastidio con la giusta pratica.

I benefici

La posizione del “Cane con la Testa in giù” ripulisce i polmoni, riossigena il cervello, rinforza la zona addominale, le gambe e le braccia, provoca l’allungamento dei muscoli posteriori del corpo.

Le controindicazioni

La posizione deve essere evitata in caso di: pressione alta, mestruazioni, gravidanza, glaucoma, problemi ai polsi e alle spalle in generale. In caso di ernia iatale (un disturbo che provoca una sensazione di rigurgito dopo aver consumato i pasti) è consigliabile praticare la posizione almeno tre ore dopo aver mangiato.

SIRSASANA: guardiamo il mondo da un altro punto di vista

2012-09-02 04.56.03

Il nome

Tra le posture più note dell’hatha-yoga, sîrsâsana è considerata il «re» o «padre degli âsana», principalmente a causa dei suoi notevoli effetti benefici; sîrsa, in sanscrito, significa «testa», sîrsâsana quindi è la «posizione sulla testa».

Tale posizione è conosciuta anche come kapâlâsana (da kapâla, «cranio») anche se quest’ultima dicitura è meno nota e viene a volte utilizzata per descrivere una variante in cui i palmi delle mani sono appoggiati a terra.

Effetti della posizione

I benefici di questo âsana sono numerosi: innanzitutto la postura inversa consente di ridurre il carico gravante sulle vertebre lombari, che normalmente sostengono quasi tutto il peso del corpo; inoltre, se eseguita correttamente, sîrsâsana consente un allineamento ottimale di questa delicata parte della colonna vertebrale.

Gli effetti sulla circolazione sanguigna sono rilevanti: viene infatti favorito il ritorno venoso dagli arti inferiori e dal bacino, con riduzione della possibilità di formazione di varici ed emorroidi e contemporaneamente un maggiore afflusso di sangue arterioso raggiunge il cervello, il cuoio capelluto, il viso e la retina, con beneficio per il sistema visivo e, seppure in minor misura, per l’udito.

I visceri, i genitali e gli organi addominali, in particolare il fegato, vengono decongestionati e ricevono, una volta ripresa la postura eretta, un benefico afflusso di sangue ricco di ossigeno; la digestione viene migliorata ed eventuali ptosi ridotte o, se la pratica è protratta a sufficienza, eliminate.

Il cervello, il maggior consumatore di ossigeno del nostro corpo, viene abbondantemente irrorato di sangue arterioso ed i capillari conservano o ritrovano la loro naturale elasticità, garantendo una circolazione ottimale; spesso sîrsâsana consente di ridurre l’intensità di cefalee ed emicranie.

Viene stimolata l’ipofisi, che a sua volta agisce su tutto il sistema endocrino contribuendo a regolare il metabolismo ed il peso corporeo.

Ad un livello più sottile tutte le funzioni intellettive (attenzione, concentrazione, memoria) sono stimolate, la mente diviene più limpida e si viene pervasi da un senso di fiducia e di ottimismo.

La postura inversa infine influisce anche sulla respirazione: la leggera pressione esercitata sul diaframma degli organi addominali facilita la completa espulsione dell’aria durante il movimento espiratorio e viene inoltre favorita la ventilazione della parte superiore dei polmoni, che normalmente, a causa di una respirazione incompleta e superficiale, viene utilizzata poco.

Le posizioni capovolte migliorano lo stato di salute generale, contribuiscono a ridurre ansia e stress e aumentano la sicurezza in sè stessi; permettono inoltre di sviluppare un maggiore potere di concentrazione e la capacità di sostenere grandi sforzi senza affaticarsi.

 

  • Questi âsana devono essere praticati a stomaco completamente vuoto e mai immediatamente dopo intensi sforzi;
  • in caso di caduta il corpo deve essere mantenuto rilassato e si dovrebbe cercare di frenare la discesa con i piedi; non praticare quindi in vicinanza di mobilio o altri oggetti contundenti;
  • dopo le posizioni capovolte rilassarsi sempre per qualche momento in Shavâsana o Balâsana.

 Controindicazioni

La posizione sulla testa va sicuramente evitata in caso di ipertensione arteriosa significativa, arteriosclerosi, rischio di distacco di retina, glaucoma o gravi affezioni del tratto cervicale.

In presenza di congiuntivite, otite o altre affezioni infiammatorie dell’orecchio è bene sospendere la pratica fino all’avvenuta guarigione.

Prestare sempre attenzione ai segnali del corpo: in presenza di un fischio nelle orecchie persistente, di una forte emicrania o di una sensazione di soffocamento sarà bene interrompere la pratica.

Se eseguita correttamente e con le dovute cautele sîrsâsana non è pericolosa ma, più ancora che per altre posizioni, è bene apprenderne la tecnica corretta direttamente da un insegnante.

 

Guardare il mondo da un’altra prospettiva. Appunto.

 

Ancora posti disponibili per il corso del martedì sera

Non avete mai provato lo yoga?

 

Funny_Yoga_Cats_2010_Calendar_5

Pensate che sia una disciplina dove si trascorre la maggior parte del tempo seduti a gambe incrociate?

Beh, allora vi conviene provare, almeno una volta. Lo Hatha Yoga non è niente di tutto questo. Non pensate di venire a lezione, stare seduti tranquilli e farvi congelare le estremità dall’immobilità. Lo Hatha Yoga si sviluppa sul movimento, sul respiro e sull’utilizzo di muscoli che spesso nemmeno sapete di possedere.

Lila offre una lezione di prova gratuita, inclusa di tappetino, per farvi assaggiare il sapore del mondo dello yoga, senza impegno.

Se vi piace l’idea, iscrivetevi alla lezione di prova utilizzando l’apposito modulo che trovate su questo sito.

 

Vi aspetto.

 

Lila

Lezioni di yoga per tutta l’estate 2013

Cari yogi e yogini,

quest’estate non sarete costretti a fare la pausa dalla vostra amata pratica, perché Natasha terrà lezioni per il periodo estivo, con piccole interruzioni, fino alla ripresa di tutti i corsi a metà settembre 2013.

I corsi termineranno martedì 25 giugno 2013 ma ci sarà la possibilità di seguire il calendario estivo come segue:

LEZIONE DI YOGA FLOW (vinyasa) ogni martedì sera dalle 18.15 alle 19.15 secondo il calendario:

  • martedì 16 luglio
  • martedì 23 luglio
  • martedì 30 luglio
  • martedì 6 agosto
  • martedì 20 agosto
  • martedì 27 agosto

Le lezioni riprenderanno regolarmente a partire da lunedì 16 settembre 2013.

Serata CANTA CHE TI PASSA.. mercoledì 29 maggio 2013 18.45-20.00

Canta che ti passa…lo stress!!

MANTRA YOGA CON NATASHA RUSSO

P2190390

Mercoledì 29 maggio ore 18.45-20.00

A Sementina presso FISIOSTUDIO 95, via Pobbia 2

Costo 20.-

 

                        La musica è sempre stata un mezzo molto potente per risvegliare la coscienza spirituale, per non parlare del suo valore nel liberare le tensioni emotive e nell’indurre ad uno stato di tranquillità e rilassamento.

 

La serata sarà così suddivisa:

-         Esercizi di pranayama (respirazione yogica) specifici per la purificazione delle narici, per la gola e per la preparazione della voce;

-         Canti e mantra in sanscrito accompagnati da chitarra e strumentini a percussione (tamburelli, nacchere,…)

-         Meditazione finale con racconti di storie divertenti per riflettere.

 

Non serve saper cantare per partecipare. Non è necessario essere intonati, nel coro di gente non ci si accorge se si sbaglia…E poi non è una gara!

 

Non occorre essere studenti di yoga per partecipare.

 

Occorre un po’ di coraggio e tanta curiosità, e la voglia di sperimentare una pratica che libera la mente e apre il cuore.

 

Siete invitati a portare i vostri strumentini a percussione per accompagnare i canti nel corso della serata.

 

Iscrizioni entro lunedì 27 maggio 2013 a natasha.russo\gmail.com oppure dal sito www.lila-yoga.ch

 

 

 

 

Shatkarman 2: pulizia della lingua (dhauti)

Pulire la lingua è essenziale per avere sempre un alito fresco ed è un atto che elimina le tossine che si accumulano sulla superficie della lingua durante il sonno.

La pulizia della lingua è da fare ogni giorno, dopo aver lavato i denti.

  1. Sporgere la lingua in fuori
  2. con il raschietto, un coltello da pesce o un bastoncino dei gelati pulire in profondità fin verso la gola

Il senso di questa pulizia è importante anche a livello simbolico: lingua pulita=discorsi puliti, cioè sinceri.

Raschietto per la lingua, in vendita anche nei supermercati, può essere sostituito con un coltello per il pesce (senza seghetto)

Raschietto per la lingua, in vendita anche nei supermercati, può essere sostituito con un coltello per il pesce (senza seghetto)

Shatkarman, purificazione nello yoga (JALA NETI, la pulizia delle fosse nasali)

Neti si pratica con acqua tiepida e sale marino, oppure con un filo rotondo di gomma.

Neti si pratica con acqua tiepida e sale marino, oppure con un filo rotondo di gomma.

Jala neti è la purificazione del naso, primo organo che viene a contatto con il mondo esterno, e con i suoi prodotti inquinanti.Se lo volete pulire con l’acqua, occorre un apposito contenitore per la pulizia (tipo teierina, in vendita sui siti di articoli per lo yoga, o se volete risparmiare va bene anche una bottiglietta di plastica alla quale applicherete un beccuccio appuntito), sale marino (Mezzo cucchiaino).

  1. riempire il recipiente di acqua tiepida (non bollente)
  2. mettere il sale
  3. scuotere
  4. inclinare la testa di lato e aprire la bocca (importante, altrimenti inghiottirete l’acqua salata)

Senza sforzo, l’acqua passerà da una narice ed uscirà dall’altra, trascinando con sé tutta la sporcizia presente nelle fosse nasali (ci trovo a volte i pelucchi dei maglioni e delle sciarpe!!).

Al termine, soprattutto in inverno, si consiglia di praticare qualche esercizio di KAPALABHATI per asciugare ben bene le fosse nasali.

In estate, si può praticare al mare, magari lontano dagli altri bagnanti.

La posizione del cane a testa in giù (adho mukha svanasana)

adho mukha svanasana, cane suAdho mukha significa avere la faccia rivolta verso il basso, svana=cane.

La posizione ricorda un cane che si stira abbassando la testa, allungando le zampe anteriori e portando quelle posteriori in alto.

BENEFICI

Quando si è stanchi, rimanere a lungo in questa posizione toglie la fatica e ridona l’energia perduta. Allevia la rigidità e il dolore ai talloni, rinvigorisce le caviglie e irrobustisce le gambe, aiuta ad attenuare l’artrite delle giunture delle spalle. Dato che il diaframma viene sollevato nella cavità toracica, la velocità dei battiti cardiaci diminuisce. E’ una posizione molto distensiva.

ERRORI PIÙ COMUNI NELLA PRATICA

  • Non allineare le braccia al tronco
  • non allineare il sacro
  • voler mettere per forza i talloni a terra, anche quando le braccia ed il sacro non sono allineate

 

Canti e mantra per la meditazione

siva-kailasa                        Canti per Shiva

Shiva significa colui che è di buon auspicio, è descritto come puro, incorrotto dal mondo della forma e delle tentazioni, e cantare il suo nome può portare la salvezza dal ciclo delle reincarnazioni.

E’ un dio della trimurti, che include Brahma e Visnu. Siva è responsabile della creazione e distruzione dell’universo, è il yogi eterno, che rimane incorrotto da maya, l’illusione.

Distrugge il nostro attaccamento e le nostre delusioni e ci porta alla liberazione.

Spesso è dipinto con un grande terzo occhio, nel quale distrugge e incenerisce il desiderio (KAMA). Il fiume Gange scorre dai suoi capelli, per questo è chiamato Gangadhari, colui che porta il fiume Gange, il più sacro fiume indiano.

 

BOLO BOLO   SABMIL BOLO

OM NAMAH   SIVAYA (RIPETE)

OM NAMAH   SIVAYA, OM NAMAH SIVAYA (RIPETE)

 

 

Mi inchino a Siva, al Sé supremo, i cinque elementi:

* na (terra solidità)

* mah (lla liquidità dell’acqua)

* shi (la fiamma del fuoco)

* va (l’aria che inaliamo)

* ya (lo spazio nel quale tutto   prende forma)

La   ripetizione delle sillabe di questo mantra gradualmente purifica ognuno di   questi elementi nel nostro corpo.

 
 

SHAMBO SHANKARA NAMAH SIVAYA

SAMBA SADASIVA NAMAH SIVAYA

SHAMBO SHANKARA NAMAH SIVAYA          (RIPETE)

KAILASH ASIVA NAMAH SIVAYA (2X)

SAMBA SADASIVA NAMAH SIVAYA

SHAMBO SHAMBO SANKARA NAMAH SIVAYA

SAMBA SADASIVA NAMAH SIVAYA

VIBHUTI SHANKARA NAMAH SIVAYA   (2X)

 SAMBA..

TRISHULA DHARI NAMAH   SIVAYA (2X)   samba….

Salute al   signore supremo, essenza e sorgente  della gioia. Lui è il creatore   della gioia (sukha-sam) senza limiti.,

Quando gli esseri viventi   sono stanchi delle azioni, della vita e del colore e cercano il riposo del   sonno senza sogni, essi si rivolgono a Siva, che sta al di sopra della   gioia  (Sambhu), nel  cui grembo l’universo rimane per riposare e   per dormire.

 

 

 

JAYA JAYA SIVA SHAMBO

JAYA JAYA SIVA SHAMBO   (RIPETE)

MAHADEVA SHAMBO

MAHADEVA SHAMBO (RIPETE)

 

Salute al   signore supremo, colui che porta felicità e gioia e che risiede nei cuori di   tutti noi!

baby-krishnaCANTI PER KRISHNA

Narayana or Narayan è uno dei nomi di Vishnu, e si riferisce a Krishna come una delle sue incarnazioni.Narayana è un nome sanscrito composto da nara (uomo, umano) e ayana (eterno, senza fine,a-yana)”. La tradizione associa l’elemento nara con l’elemento acqua, spiegando la natura di Narayana come onnipresente proprio come l’infinito oceano, nel quale si esplicano i movimenti di nascita-vita e morte senza fine. Narayana è anche colui che muove le acque infinite e anche l’acqua stessa: per questo motvo in molti dipinti hindu è spesso rappresentato seduto sull’oceano. Un’altra traduzione di Narayana è “l’uomo supremo che è il fondamento di ogni uomo”, oppure colui che aiuta gli uomini, dirigendoli perso moksha, la liberazione.

 

 

 

GOVINDA HARE, GOPALA HARE

HE BRABHU DINA DAYALA HARE   (RIPETE)

GOVINDA HARE, GOPALA HARE

HE BRABHU DINA DAYALA HARE   (RIPETE)

Saluti a Govinda   (Krisna), amico e pastore delle mucche, colui che aiuta i bisognosi.

 

 

GOVINDA NARAYANA, GOPALA   NARAYANA (2 X)

GOVINDA GOVINDA NARAYANA   (2X)

GOVINDA GOVINDA NARAYANA (2X)

GOVINDA ANANDA NARAYANA

HARI GOVINDA ANANDA NARAYANA

Saluti a Govinda   (Krisna), amico e pastore delle mucche, colui che aiuta i bisognosi.

 

GOVINDA RADHE RADHE   SHYAM

GOPALA RADHE RADHE SHYAM

RADHE RADHE RADHE   SHYAM     2x

GOVINDA GOPALA RADHE RADHE   SHYAM  2x

 

Questo canto sviluppa il cuore, l’energia dell’amore. Radhe è la   consorte di Krishna e cantando il suo nome bussiamo alla porta del nostro   cuore e Krishna risponde chiamando noi verso la nostra stessa luce e amore.   Shyam” (“l’oscuro”) è uno dei nomi   di Krishna nel quale Radhe, rappresentata con il suo sari giallo,   impersona l’aspetto senza forma del divino. Il nostro amore o l’amore di Rdhe   dà forma a Krishna, dandogli una forma di divina coscienza.

 YAMUNA TEERA VIHARI

YAMUNA TEERA VIHAARI

VRINDAVANA SANCHARI

GOVARDHANA GIRI DHARI

GOPALAA KRISNA MURARI

 

DASARATHA NANDANA RAAM RAAM

DASHAMUKHA MARDANA RAAM RAAM

PASHUPATI RANJANA RAAM RAAM

PAPA VIMOCHANA RAAM RAAM

 

MANI MAYA BHOOSHANA RAAM RAAM

MANJULA BHASHANA RAAM RAAM

RANA JAYA BHEESHANA RAAM RAAM

RAGHU KULA BHOOSHANA RAAM RAAM

Dedicata a colui che porta magnifici ornamenti (Krisna) , che pronuncia le parole più dolci, colui che è vittorioso sul campo di battaglia e che è il gioiello della dinastia Raghu. Ram ram

I successivi due versi sono dedicati a Rama

  • Colui che vive sulle rive dello Yamuna e cammina vicino a Brindavana, colui che conosce la montagna Govardhana, l’uccisore di Mura,  protettore delle mucche e l’oscuro.
  • L’amato di Dasharatha, l’uccisore di Ravana, mostro dalle 10 teste, colui che è amato da ogni creature e ci libera dai problemi.